Giornata mondiale dell'arte: 9 opere da vedere al British Museum

In occasione della Giornata Mondiale dell'Arte, visitiamo il British Museum di Londra e ti proponiamo 9 opere imperdibili provenienti da tutto il mondo.

Aggiornato il giorno

giornata mondiale dell'arte
Stampare

Istituita nel 2012 e proclamata dall'UNESCO nel 2019, la Giornata Mondiale dell 'Arte si celebra ogni anno il 15 aprile, in occasione del compleanno di Leonardo da Vinci, il versatile genio creativo. La World Art Day è un evento che unisce diverse culture in un'unica celebrazione dedicata all'arte in tutte le sue forme, dall'architettura, alla musica, alla pittura, alla danza, alla letteratura, al cinema, che insieme rappresentano un linguaggio universale che permette alle persone di esprimersi, comunicare e relazionarsi con gli altri.

In questo anniversario, l'obiettivo è riconoscere il valore dell'arte come forma di espressione universale e celebrare il patrimonio artistico di ogni nazione. Questa giornata incoraggia e promuove l'espressione delle emozioni e lo sviluppo sostenibile dell'arte. È anche un'occasione per sottolineare l'importanza dell'educazione artistica nelle scuole, poiché la cultura favorisce un'educazione inclusiva.

Durante questa giornata siamo tutti invitati a partecipare attivamente alla celebrazione dell'arte. Per l'occasione, abbiamo scelto una visita a uno dei musei più antichi e famosi del mondo: il British Museum di Londra.

IL British Museum di Londra

Il primo museo pubblico nazionale del mondo, fondato nel 1753, ospita oltre 8 milioni di oggetti che rappresentano la storia e lo sviluppo della civiltà umana dalle origini ai giorni nostri. Le collezioni del British Museum sono organizzate in diverse gallerie, ognuna dedicata a un tema diverso: Africa, Oceania e Americhe, Antico Egitto, Sudan, Antica Grecia, Roma, Asia, Monete e medaglie, Europa, Grecia, Roma, Islam, Preistoria, Stampe e disegni, Scienza e medicina. Data la quantità di cose da vedere e per organizzare al meglio la tua visita, abbiamo preparato una breve guida con le 9 opere imperdibili.

Rosetta Stone (Stele di Rosetta)

What to see british museum Rosetta

Perché vederla? Per comprendere le origini dell'antica scrittura egizia.

È difficile non rimanere affascinati dalla cultura millenaria dell'antico Egitto. Una delle testimonianze più importanti di questa civiltà è la Stele di Rosetta, scoperta in Egitto nel 1799. Si trattò di una scoperta importante per la decifrazione degli antichi geroglifici egizi, poiché sulla pietra fu trovato un testo inciso con un decreto scritto in tre caratteri: geroglifico, demotico e greco. La scoperta del testo trilingue è stata determinante per svelare il mistero dei geroglifici egizi, documento chiave per la comprensione dell'antica civiltà egizia.

Bust of Ramesses the Great (Busto di Ramses II)

Dia mundial del arte museo britanico

Perché vederlo? Per conoscere da vicino uno dei più famosi faraoni egiziani della storia.

Sempre nel contesto geografico dell'Egitto, si può apprezzare l'incredibile tecnica di riproduzione scultorea del grande busto del faraone egiziano Ramses II, che regnò dal 1279 al 1213 a.C..

Crouching Venus (Venere di Lely)

Giornata mondiale dell'arte British Museum venus

Perché vederla?  È una testimonianza dell'Impero Romano e della sua diversa natura geografica, culturale ed etnica.

In questa parte del museo sono esposte opere che documentano l'Impero Romano dalla sua fondazione fino alla fondazione della nuova capitale cristiana a Costantinopoli (Istanbul) da parte di Costantino. La scultura, datata al II secolo d.C., è una riproduzione romana di una statua greca raffigurante la dea Afrodite, conosciuta come Venere dai Romani.  La dea greca dell'amore viene raffigurata  in questa scultura durante i rituali del bagno.

The Ife Head (Testa di bronzo di Ife)

Perché vederla? Per scoprire l'arte africana, che presenta opere paragonabili all'arte greca e romana (maggiormente conosciuta dagli occidentali).

Se ti appassionate all'arte africana, alle maschere, alle danze e ai riti funebri, non puoi perderti la galleria africana del museo. Qui troverai anche questa testa di ottone, risalente al XV secolo, che raffigura un Ooni, un re sacro del Regno di Ife, in Africa occidentale. Possiede una bellezza elegante e uno stile sorprendentemente naturalistico.

Michelangelo's Adam (Adamo, La creazione di Michelangelo)

Perché vederlo? È un'occasione imperdibile per vedere come Michelangelo, che ha trascorso quattro anni a dipingere la Cappella Sistina, ha progettato i suoi dipinti.

Nella sezione delle stampe e dei disegni si trova uno degli schizzi preliminari a gesso di Michelangelo dell'Adamo che si trova sul soffitto della Cappella Sistina, datato 1511. L'artista rende vivo il corpo di Adamo, che in ogni sua parte è in movimento e suscita emozioni. 

Aztec serpent (Serpente a due teste)

Giornata mondiale dell'arte British Museum

Perché vederlo? L'impero azteco è ben noto attraverso i libri mentre in questo museo puoi vedere la sua arte dal vivo.

L'opera si trova in una sala che raffigura le diverse culture - Olmeca, Maya, Azteca e Mixteca - che fiorirono nell'attuale Messico dal 2000 a.C. fino alla conquista dell'impero azteco da parte della Spagna nel1521.  Gli Aztechi consideravano i serpenti come un simbolo sacro delle divinità e probabilmente questo serpente a due teste aveva un significato rituale.

Sutton Hoo Treasure (Il Tesoro di Sutton Hoo)

Sutton hoo museo britanico

Perché vederlo? Si tratta della più importante scoperta archeologica del Medioevo inglese.  

La scoperta della tomba di Sutton Hoo nel Suffolk, nell'Inghilterra orientale, avvenuta negli anni '30, è uno straordinario documento archeologico dell'Inghilterra altomedievale. La tomba risale al VII secolo d.C. e contiene un vaso pieno di oggetti come gioielli d'oro, armi e altri oggetti che attestano il benessere sociale di questo periodo storico.

Haida House Pole (Palo totemico Haida)

Perché vederlo? Per approfondire il legame mistico tra gli esseri del mondo naturale e gli esseri umani. 

Gli Haida sono una comunità indigena che occupa tradizionalmente Haida Gwaii, un arcipelago al largo della costa della British Columbia, in Canada, da almeno 12.500 anni. Gli Haida sono noti per la loro abilità artigianale, come dimostra questo totem realizzato intorno al 1850. In esso sono raffigurati gli  esseri ancestrali che rappresentano gli animali, le famiglie e le tribù all'interno della cultura Haida.

The temple of Athena Nike (Il tempio di Atena Nike)

Athens temple British Museum

Perché vederlo? Per ammirare le sculture e l'architettura di Atene all'apice del suo potere politico e culturale.

Nel V secolo a.C., Atene era diventata lo stato più ricco e potente della Grecia continentale. Le sculture di questo periodo sono esposte nel British Museum di Londra.  Questo rilievo del tempio mostra i greci che combattono contro i persiani, forse durante la battaglia di Maratona, nel 490 a.C..

Non dimenticare che, oltre alle collezioni permanenti, il British Museum di Londra ospita anche mostre temporanee ed eventi. Ti consigliamo la mostra sull' Impero romano e l' esercito, che potrai visitare fino al 23 giugno. Inoltre, se ti abboni a Speak Up, troverai molte informazioni sull'Impero romano in inglese, come l'articoloThe Roman Legacy, dove potrai conoscere le tracce lasciate dall'arrivo dei Romani nella Britannia dell'Età del Ferro. Ogni articolo è accompagnato da audio, glossario ed esercizi pratici per esercitare tutte le abilità necessarie per imparare l'inglese.

"A Farewell to Arms" by Ernest Hemingway

Classic Books

"A Farewell to Arms" by Ernest Hemingway

Scritta in prima persona e segnata dalla propria esperien-za nella prima guerra mondiale, questa storia d’amore con un forte messaggio antibellicista è uno dei migliori esempi dello stile diretto e profondo dell’autore statunitense.

TODAY’S TOP STORIES

Jason Marsalis: Jazz In the Blood

People

Jason Marsalis: Jazz In the Blood

Nato nella culla del jazz, Jason Marsalis è un famoso percussionista statunitense che appartiene a una leggendaria famiglia di musicisti. Nell’intervista con Speak Up Marsalis riflette sul passato, il presente e il futuro di questo genere musicale.

Sarah Presant Collins

La doppia negazione in inglese (double negatives)
Canva

Grammar

La doppia negazione in inglese (double negatives)

In inglese, l'uso di due elementi negativi nella stessa frase non è corretto. Vediamo cosa sono le doppie negazioni (double negatives) e come assicurarsi di non commettere errori.

Alicia Burton