Attenzione agli omofoni! Parole che si pronunciano allo stesso modo, ma che hanno significati diversi

Gli omofoni in inglese, o homophones, possono essere complicati per gli studenti di lingua inglese. Don't panic! Basta tenere d'occhio i soliti sospetti.

Michelle García

Aggiornato il giorno

Homophones
Stampare

Gli omofoni ohomophones in inglese sono piuttosto comuni, ma possono confondere gli studenti di lingua inglese. Rappresentano il motivo di molti umorismi inglesi, come nel caso di questa barzelletta qui sotto:

C'erano una volta due cavalli inglesi in mezzo a un prato; uno dei cavalli era molto grande e l'altro molto piccolo. Il grande disse al piccolo:

  • "Your voice sounds a bit strange” (La tua voce sembra un po' strana). 

Il piccolo lo guarda sorpreso e risponde:

  • Yes, I'm a little hoarse. (Sì, sono un piccolo cavallo.)

Questo tipo di gioco di parole si basa sui cosiddetti homophones. Nel caso di questa battuta, horse (cavallo) suona esattamente come hoarse (rauco).  Capisci? Il secondo cavallo è piccolo e anche rauco.

Cosa sono gli omofoni

Gli omofoni sono parole che si pronunciano allo stesso modo - o quasi - ma hanno significati diversi e sono scritte in modo diverso.

Il termine homophone deriva dalle parole greche homos (stesso, medesimo) e pone (voce, suono). In inglese esistono oltre 6.000 omofoni e si stima che circa il 15% delle parole inglesi abbia almeno un omofono. Ne esiste addirittura una con sette (7!) significati diversi. Ne parliamo più avanti nell'articolo...

Esiste una teoria secondo cui gli omofoni sono nati spontaneamente attraverso il processo di cambiamento della pronuncia delle parole.

Inizialmente, le parole venivano pronunciate in modo diverso, ma con il passare degli anni la pronuncia è cambiata gradualmente fino a unificarsi ed essere pronunciata nello stesso modo.

Quali sono gli omofoni più comuni in inglese

Esistono alcuni omofoni molto comuni, che confondono anche i madrelingua inglesi. Spesso, infatti, nella scuola primaria ci sono molte lezioni dedicate all'uso corretto di queste parole. Uno degli esempi più comuni è questo:

To (a) - Too (troppo) - Two (due)

Senza un contesto, non sappiamo quale bisogna usare, perché suonano esattamente allo stesso modo.

Un altro esempio di omofoni che creano problemi anche ai madrelingua è quest'altro:

Your (tuo) - You’re (tu sei/loro sono)

È consigliabile prestare particolare attenzione all'uso corretto di queste parole. E attenzione, i correttori ortografici di solito non rilevano errori di questo tipo, perché in definitiva la grammatica è corretta!

Ecco un esempio:

  • Your two stressed out trying too remember how two use to different homophones.

Evidentemente questa frase è scritta male. Dovrebbe essere scritta come segue:

  • You’re too stressed out trying to remember how to use two different homophones.

Il correttore ortografico rileva solo uno dei cinque errori della prima frase. Sta a noi conoscere la differenza tra queste parole e controllare il nostro lavoro scritto per assicurarci di usare l'omofono corretto in ogni caso.

Gli articoli di grammatica di Speak Up sono destinati ad aiutarti in situazioni come questa e a spiegarti le regole grammaticali di cui hai bisogno per imparare l'inglese in modo fluente. Ti offriamo il meglio della grammatica e il meglio della cultura generale. Gli abbonati a Speak Up hanno a disposizione spiegazioni concise e chiare delle regole grammaticali e, per metterle in pratica, puoi avere accesso esclusivo ad articoli in inglese su cultura e attualità, letti in inglese da madrelingua con accenti diversi, vocabolario tradotto,suggerimenti ed esercizi interattivi. Abbonati subito e approfitta dei vantaggi di far parte della comunità di Speak Up.

Ah! E per entrare a far parte della community di italiani che stanno imparando l'inglese, iscriviti al nostro canale Whatsapp e riceverai ogni giorno un esercizio interattivo per mettere alla prova le tue abilità linguistiche anywhere and anytime.

20 omofoni molto comuni

1. Affect/əˈfɛkt/– verbo. Influenzare.

Effect – sostantivo. Effetto. È poco comune, ma a volte ‘effect’ viene utilizzato come verbo con il significato di “effettuare/portare a termine”, anche se è piuttosto tecnico.

2. Than/ðɛn/– che, usato per fare paragoni

Then – allora, dopo

3. Which/wɪtʃ/– quale, che, cosa

Witch – strega

4. Here/hɪr/– qui

Hear – sentire

5. Are/ˈɑːr/ – essere

Our – nostro

6. Buy/baɪ/– comprare

By – per,  di, davanti a

7. Accept/ækˈsɛpt/- accettare

Except – eccetto, salvo

8. Weather/ˈwɛðɚ/– tempo, clima

Whether – se, sia...o

9. There/ðər/- lì

Their – loro, suo

They’re – loro sono/stanno

10. Bear/bɛr/– orso

Bare – nudo, scoperto

11. One/wʌn/– uno

Won – vincere

12. Brake /breɪk/ – freno

Break – rompere, pausa

13. Complement /ˈkɒmplɪmənt/ – complemento, completare

Compliment – complimento, elogio

14. Allowed(ə loud′)– permesso

Aloud – ad alta voce

15. It’s/ˈɪts/– esso è/sta

Its – suo 

16. Capital /ˈkæpɪtəl/ – capitale (città), maiuscola

Capitol – campidoglio

17. Principle/ˈprɪnsɪpəl/ – principio

Principal – direttore, preside

Ai bambini viene insegnata questa frase per ricordare la differenza:

The principal is your pal.” ("Il preside è tuo amico.”)

18. Cite/saɪt/– citare

Site– luogo, sito

Sight – vista

19. Flour/ˈflaʊɚ/– farina

Flower – fiore

20. Eye/aɪ/– occhio

I – io

E ricordi degli omofoni di cui abbiamo parlato all'inizio di questo articolo? Riesci a indovinare di cosa si tratta?

Raise /reɪz/– alzare

Rays – raggi

Rase – spianare

Raze – demolire

Rehs – miscele di sali di sodio

Réis – plurale di “real”, la moneta del Portogallo fino al 1911.

Res – plurale della nota Re nella scala musicale (Do, Re, Mi...)

Anche se alcune di queste parole sono un po' obsolete e poco usate, è sempre interessante sapere a cosa servono!

Per finire con il sorriso sulle labbra, ecco un'ultima barzelletta con gli omofoni inglesi:

Due cacciatori americani stanno camminando nella boscaglia. Il primo cacciatore chiede all'altro:

  • Have you ever hunted bear? (Hai mai cacciato un orso?)

Il secondo cacciatore pensa e risponde:

  • No, but I've been fishing in my shorts!  (No, ma ho pescato in pantaloncini corti)

Se non lo capisci, pensa alla parola  omofona di  bear che abbiamo visto in questo articolo.

Speak Up è il tuo headquarter online per comprendere le regole grammaticali della lingua inglese ed esercitarle. Dai un'occhiata a questi articoli, che possono essere molto utili per chiarire i tuoi dubbi.

Winnie-the-Pooh Day: Wisdom from the Honey Pot
Cordon

Current Affairs

Winnie-the-Pooh Day: Wisdom from the Honey Pot

Il 18 gennaio è la giornata dedicata a Winnie Pooh che ricorda la nascita del suo autore A. A. Milne, il quale con i suoi libri illustrati popolati da personaggi adorabili e ricchi di una saggezza atemporale continua a ispirare ed educare generazioni di bambini e adulti.

Alex Phillips

Ninety Per Cent of Everything: The Global Shipping Industry
iStock

Current Affairs

Ninety Per Cent of Everything: The Global Shipping Industry

Ogni giorno, migliaia di navi mercantili solcano gli oceani per trasportare i beni di consuno di cui abbiamo bisogno. Il 90% dei prodotti da cui dipendiamo, come il cibo, la benzina o i vestiti, arriva via mare. Eppure questo tipo di trasporto rimane ancora un mistero.

Julian Earwaker

TODAY’S TOP STORIES

Trinity College Dublin: Ireland’s Oldest University
iStock

Places

Trinity College Dublin: Ireland’s Oldest University

È l’università più antica e prestigiosa dell’Irlanda e un importante centro di ricerca di fama internazionale. Tuttavia, è anche un’attrazione turistica molto popolare, che ospita un’enorme biblioteca con una pregiata collezione di artefatti rari, tra i quali spicca lo straordinario Libro di Kells.

Talitha Linehan

Domande retoriche in inglese
Canva

Grammar

Domande retoriche in inglese

Le domande retoriche non richiedono una risposta esplicita, ma possono catturare l'attenzione, stimolare la riflessione o suscitare emozioni. Vediamo come formularle in inglese.

Alicia Burton